Viaggio di Gruppo Cammino di Santiago Gran Canaria | Backpacker Adventure

Trekking alle isole Canarie. Un viaggio avventura di gruppo a Gran Canaria per ripercorrere il Cammino di Santiago, che, forse non molti ne sono a conoscenza, è anche qui. 73 km suddivisi in 3 tappe di media difficoltà, partendo dalle dune di sabbia dorata di Maspalomas per arrivare alla cattedrale di Santiago de los Caballeros, a Gáldar, passando attraverso paesaggi di una varietà disarmante. Percorreremo il tratto da Fataga a Gáldar immergendoci nel ventre di Madre Natura, tra montagne che sfiorano il cielo, palme, pini, canyon di roccia ed un mare cristallino a fare da contenitore a questo leggendario cammino. Ma non solo.. dormiremo in fantastiche case “rurali” appoggiate sulle alte quote dell’isola, festeggeremo il Giorno delle Canarie (Día de Canarias), una festa regionale spagnola celebrata nelle Isole Canarie ogni 30 maggio per commemorare la prima seduta del Parlamento canario, contornati da vegetazione rigogliosa e ricchi panorami, avremo il tempo di goderci il suono delle acque oceaniche andando a cercare le spiagge più selvagge ed isolate della zona, assaporeremo il folklore e la storia del paese scoprendo il popolo dei Guanci, i primi abitanti dell'isola...Insomma...E' arrivato il momento di uscire nuovamente dal confine, è giunto il momento di riprendere contatto con le meraviglie che ci circondano, e lo faremo con il ritmo giusto, a passo lento, unendo il nostro respiro a quello dell'immensa Natura che ci circonderà.Gran Canaria llegamos !!!!!!

Acconto

Tour Leader

  • Livello Spirito di adattamento
  • Numero partecipanti min 7 - max 11

Itinerario

  1. GIORNO 1 Partenza dall’Italia │Las Palmas │ Maspalomas

    Arrivati a Las Palmas prederemo il bus che ci porterà a Maspalomas. Una volta scaricati gli zaini nell'hotel che ci ospiterà per la prima notte, avremo tempo libero prima della cena tipica che sarà l’occasione per conoscerci meglio e visionare assieme le tappe del cammino che andremo ad affrontare per i successivi 3 giorni.

  2. GIORNO 2 1a tappa: Dalle dune di Maspalomas a Fataga (22 Km + 650 mt) + festa Dìa de Canarias

    a dove dovremmo cominciare il nostro cammino se non dalle famose faro di Maspalomas?! Ci sveglieremo in un clima di festa, infatti oggi, come il 30 Maggio di ogni anno, tutte le isole canarie festeggiano la data del ritorno alla democrazia dopo 46 anni di dittatura franchista. Il nostro cammino partirà con una splendida vista sulle Dune di Maspalomas, un’area naturale unica nelle isole Canarie per la loro bellezza e la varietà degli ecosistemi che le ospita, un paesaggio lunare che ci farà prendere immediatamente contatto con quello che sarà il mood del viaggio. La prima ora di cammino sarà per lasciarci alle spalle l'asfalto della città, entrando in uno spettacolare canyon modellato dagli artisti del luogo, Vento e Acqua. Usciti dal canyon arriveremo alla Necropoli di Arteara, il cimitero aborigeno più grande dell’isola, luogo pieno di fascino e leggende legate alla popolazione dei Guanci. Da qui proseguiremo per ancora qualche km fino ad arrivare al bianchissimo e pittoresco paesino di Fataga, incastonato in un giardino di palme, luogo del nostro primo pernotto in cammino.

  3. GIORNO 3 2a tappa: Fataga - Campamento Garanòn (15 Km + 1150 mt)

    Sveglia di buon ora, oggi ci aspetta il dislivello positivo più importante di questo breve cammino. Risalendo su sentieri ben tracciati, ci avvicineremo al fulcro dell'isola, il punto più lontano dal mare ma anche il più alto, con l'iconico Pico de las Nieves e i suoi quasi 2.000 mt a troneggiare sull'isola. I paesaggi...i paesaggi saranno così "pieni" e così incredibili che vi sembrerà di essere in un altro pianeta, sicuramente tanto lontani da quella che chiamiamo civiltà, un toccasana per gli occhi e per lo spirito. Con le gambe stanche e le menti rigenerate raggiungeremo lo splendido ostello di “montagna” Finca la Isa, il nostro pernotto a quota 1300 mt sarà che sarà il palcoscenico naturale da cui assisteremo a tramonti leggendari! Possibilità di cenare con i ragazzi dell’ostello in un clima conviviale ed inclusivo.

  4. GIORNO 4 Da Finca la Isa a Roque Bentayga e ritorno a Finca la Isa (16 Km + 350mt)

    Si sta così bene in questo luogo magico che ci trascorreremo una notte in più, concedendoci un giro leggero (ovvero senza zaini ) per andare a scoprire un antico luogo di culto per gli aborigeni, Roque Bentayga. Questa particolare formazione rocciosa si trova nel bel mezzo della caldera di Tejeda nel cuore dell’isola ed è considerata “monumento archeologico” in quanto contiene al suo interno un “almogarén” ovvero un sito sacro per la popolazione indigena dei Guanci. C’è così tanto panorama, così tanto fascino che non si sa dove guardare. Fantasichermo pensando a come doveva essere la vita per gli aborigeni di questi luoghi e ci divertiremo a indovinare le isole limitrofe, soprattutto grazie alla vista privilegiata sul Teide, vulcano di Tenerife, che sbuca dall’oceano blu e come fosse sospeso nel vuoto.

  5. GIORNO 5 Da Campamento Garanòn ( o Finca da Isa) a Gáldar 23 km - (discesa) 1600 mt

    "What goes up must come down" Toccato il punto di massima altezza dell'isola e di massima distanza dal mare è ora di cominciare la nostra discesa verso l'estremo Nord dell'isola. Costante variazione del paesaggio, flora sempre diversa e perfettamente inserita nel paesaggio, fino a giungere a Pinos de Galdar ed i suoi pini millenari, inseriti in una clamoroso paesaggio vulcanico che non vi lascerà indifferenti. Aperi cena di celebrazione a Galdar e transfer ad Agaete

  6. GIORNO 6 Giornata di spiaggia e musei a Gáldar

    Dopo 4 giorni di camminate i vostri piedi e la vostra anima chiederanno un pò di tregua, e cosa c'è di meglio se non una giornata in spiaggia coccolati dal suono dell'oceano?! Lungo tutta la costa di Agaete si susseguono meravigliosi angoli affacciati sul mare. Nessuna di queste spiagge si affolla, la tranquillità fa da padrona, ci godremo le calette del nord con tutta la calma del mondo. Ma Agaete non è soltanto spiagge, infatti il nord di Gran Canaria è una meta obbligatoria per chiunque sia interessato alla cultura preispanica dell'isola e delle sue antiche tradizioni. Troveremo molti luoghi d'interesse che risalgono all'era preistorica dell'isola, ci sarà solo da scegliere. Rientro all'hotel, cena e pernotto.

  7. GIORNO 7 Valle de Agaete itinerario ad anello da San Pedro + transfer per Las Palmas (14 Km + 600 mt)

    Bello il mare, ma camminare ci dà tutta un'altra prospettiva. Dopo esserci rigenerati con una giornata di relax partiremo dal Resort che ci ospita per compiere l'ultimo trekking ad anello del viaggio, un itinerario che ci farà scoprire le pregiate coltivazioni di caffè della valle di Agaete. Si tratta dell’unico caffè proveniente da un paese europeo, con una tradizione iniziata nel XIX secolo, ed una varietà molto rara nel mondo, appartenente alla più comune pianta di Coffea arabica: la typica. Più ci allontaneremo dal mare più le piantagioni si faranno fitte...l'ennesima escursione panoramica che ci darà un'ultima prospettiva dall'alto su tutta Gran Canaria e la costa Nord dell'isola. Rientro all'hotel, cena e pernotto.

  8. GIORNO 8 Las Palmas │Rientro in Italia

    Rigenerati da due giornate di relax siamo pronti per per ri-acclimatarci alla civiltà moderna, ma prima di tornare verso casa in Italia ci concederemo una mezza giornata di esplorazione e distrazioni cittadine a Las Palmas. Capoluogo dell’isola di Gran Canaria, questa piccola città si trova nella punta nord orientale dell’Isola, dove spunta una penisoletta. Il centro della città è diviso dall’antico Barranco de Guiniguada, che era il confine tra il centro storico della città e i quartieri più commerciali e cosmopoliti di Las Palmas de Gran Canaria. Capace di soddisfare tutte le esigenze, la città sarà predisposta a qualunque richiesta...pomeriggio di mare, di shopping, visita di musei o camminata tranquilla nei vicoli folkloristici della vecchia città? Trasferimento in aeroporto e rientro in Italia secondo il piano voli acquistato autonomamente. Arrivederci alla prossima Avventura!



Dettagli di viaggio

LA QUOTA COMPRENDE
  • N. 7 pernottamenti in casa rural/apart hotel
  • Tutte le attività previste durante il tour
  • Guida Ambientale Escursionistica esperta
  • Polizza medico bagaglio con copertura Covid
LA QUOTA NON COMPRENDE
  • Volo a/r dall' Italia a Las Palmas/Gran Canaria
  • Pasti e bevande ove non menzionati
  • Mance ed escursioni facoltative
  • Tutto quanto non indicato ne "La quota comprende"
  • Alloggi

    Hotel, apart hotel e case rural in formula SHARING (condivisione) dormendo in triple o quadruple

  • jeep Trasporti

    Mezzi pubblici per i trasferimenti

  • Documenti, Visti e Vaccinazioni

    Carta d'identità valida per l'espatrio o passaporto. Per la normativa COVID 19 link: http://www.viaggiaresicuri.it/country/ESP

cassa comune Cassa Comune(200 €)

    Mezzi pubblici, pasti condivisi e spese del Tour Leader. Si precisa che la cassa comune è indicativa e potrebbe subire lievi oscillazioni

Approfondimenti

Itinerario creato in collaborazione con le guide di Vette e Baite www.vetteebaite.it L'acquisto del volo dovrà essere effettuato alla riconferma del gruppo che sarà comunicato agli iscritti, tramite email, al raggiungimento del numero minimo dei partecipanti. Di seguito consigli per l'acquisto voli: 29.05 - 05.06 Bologna (ryanair) (29/05 > 15.10-18.40 - 05/06 > 19.15-00.20) 29.05 - 05.06 Milano orio al serio (ryanair) (29/05 > 15.50 - 19.10 05/06 19.45 - 00.50) Le escursioni non presentano difficoltà tecniche particolari o grandi dislivelli. E’ richiesto un livello medio di allenamento e abitudine a camminare in Natura per poter affrontare l’intero cammino senza problemi.. Nel 1965 una bolla papale di Papa Giovanni XXIII concesse alla città di Gáldar di celebrare l'anno sacro di San Giacomo con gli stessi privilegi di Santiago di Compostela. Dal 1993 il privilegio è diventato permanente e percorrere il cammino di Santiago di Gran Canaria ha per i credenti gli stessi effetti di quello di Santiago: l’indulgenza plenaria (il perdono dei peccati) ai fedeli che arrivano a piedi alla sua chiesa. Prima dell’arrivo degli spagnoli, Gáldar era una delle maggiori città delle Canarie e dal secolo XII o XIII secolo era stata la capitale dei Guanci, le popolazioni locali che vivevano sull’isola di Gran Canaria. Con l’arrivo dei Conquistadores Gáldar divenne Ciudad Real e da qui gli spagnoli partirono alla conquista di tutta l’isola e delle altre dell’arcipelago. Insieme alla conquista militare partiva la conquista spirituale dell'isola. La parrocchia di Santiago de Gáldar, consacrata il 25 luglio 1481, fu la base di partenza per l’evangelizzazione delle Canarie, del Nord Africa e delle Americhe.

Galleria

Prossime Partenze