Viaggio di Gruppo Trekking Anello Zoldano | Backpacker Adventure

Trekking Anello Zoldano. Un viaggio avventura di gruppo itinerante a cavallo tra Agordino e Zoldano. Ambiente incontaminato, con scorci di rara bellezza sul Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi. Un tour ad anello che consente di attraversare cinque gruppi montuosi dolomitici bellunesi: Mezzodì, San Sebastiano, Moiazza-Civetta, Pelmo e Bosconero. Ognuno con aspetto e carattere diverso, definiscono con sequenza circolare il bacino idrografico della Valle di Zoldo e che inoltre soddisferà ed entusiasmerà chi ama conoscere gli aspetti più autentici della montagna. Nei cinque gruppi che definiscono la valle si evidenziano tutti gli aspetti più tipici della regione (Vant di Moiazza e di Moiazzetta), dai valloni che incidono profondamente i basamenti dei gruppi minori (Canaloni Nord di Mezzo e Sud del Mezzodì) alle grandi estensioni di conifere e faggete (Val Malisia, Fagarè, La Mont) e per finire le grandi pareti rocciose (Pelmo, Civetta, Bosconero). Gruppi montuosi che per le loro caratteristiche geomorfologiche sono stati riconosciuti nel 2009 dall’UNESCO patrimonio dell’umanità. La presenza, fra i monti di Zoldo di due “3000” dolomitici più noti, il Pelmo e la Civetta basterebbe a porre Zoldo fra le valli dolomitiche più belle in assoluto.

dal 30/08 al 04/09

Calendario Partenze

690 €

Programmato

Acconto 100 €

Tour Leader
Nicola Dispoto

  • Livello Spirito di adattamento
  • Numero partecipanti min 6 - max 12

Itinerario

  1. GIORNO 1 Arrivo a Forno di Zoldo

    Ritrovo nel tardo pomeriggio con i partecipanti. Trasferimento in b&b o hotel, check-in, briefing con la guida e presentazione trekking, controllo e verifica attrezzatura personale, cena.

  2. GIORNO 2 Forno di Zoldo │Rifugio Casèl Sora’l Sass de Mezodì │G.Angelini

    Il punto di partenza è in località Forno di Zoldo, da qui si prosegue per un paio di km fino in località San Giovanni Le Bócole 805 m, dove s’imbocca un antico sentiero risale i fianchi del Col Pelós raggiungendo la radura della Casèra di Col Marsàng 1290 m. Si continua lungo il sentiero fino a raggiungere un bivio dove sulla destra, si prenderà il sentiero che costeggia da est gli Spiz di Mezzodì raggiungendo l’estremo risalto del Belvedere (dal Belvedere il panorama si allarga a includere tutta la valle e le successive tappe dell’Anello). Qui si prende il sentiero di destra per giungere alla radura di Sora’l Sass ed al Casèl ora adibito a rifugio dedicato a Giovanni Angelini 1588 m. Dislivello: + 1150 m/- 370 m. Tempistica: ore 5.30. Difficoltà: E percorso su sentieri a tratti impegnativi EE

  3. GIORNO 3 Sella Casèl Sora’l Sass de Mezodì │ G.Angelini │Rifugio San Sebastiano

    La seconda tappa attraversa il gruppo del San Sebastiano e porta al Passo Duràn, un percorso di media montagna decisamente più impegnativo rispetto alla giornata precedente. Al Passo Duràn, le propaggini orientali del Sass del Duràn danno inizio a una delle più colossali sequenze rocciose delle Dolomiti, che si sviluppa a nord con Moiazza e Civetta. Dal Rifugio Casèl Sora’l Sass de Mezodì - G.Angelini si scende fino alla Casèra di Mezzodì 1349 m, dove si abbandona il sentiero che scende a Forno e piegando nettamente a sinistra, si scende alla Val Prampèr in località Castelàz 996 m. Si risale la Val Prampèr lungo la rotabile e, oltrepassato il Pian de La Fópa 1200 m, si raggiunge Pian dei Palúi 1480 m. Dal Pian dei Palúi, abbandonata la rotabile, si imbocca sulla destra, il sentiero che sale con ripido strappo al Col de Mechíel 1491 m. Si continua a ovest iniziando l’aggiramento del San Sebastiano. Superato un tratto roccioso non difficile ma esposto (la “zengia de l’Ariosto”) si raggiunge la confluenza con il sentiero che sale da Pralongo. Segue un tratto ripido che porta a un bivio dove si prende il sentiero che in breve raggiunge il bivacco V. Angelini 1680 m. Da qui con qualche saliscendi fra i mughi e una ripida discesa si raggiunge la Forcella della Val Barance 1688 m e da qui poi il Passo Duràn 1605 m e il rifugio San Sebastiano. Dislivello: + 750 m/- 750 m. Tempistica: ore 6.30. Difficoltà: percorso su sentieri a tratti impegnativi EE

  4. GIORNO 4 Rifugio San Sebastiano │ Rifugio Adolfo Sonino al Coldai

    La terza tappa che percorre fedelmente il tracciato dell’Alta Via delle Dolomiti n° 1 ci porterà al Rifugio Sonino al Coldai. Inizieremo questa lunga tappa con un percorso in costa che ci condurrà al Col d’Ors (1.823 m), da qui proseguiremo in discesa fino ai Giaroi di Palanzin (1.25 m), successivamente risaliremo al Rifugio Vazzoler (1.714) dove effettueremo una sosta. Se sino a qui le grandi vette del gruppo non vi avranno impressionato per la loro maestosità, aspettate di vedere il prosieguo. Dal Vazzoler punteremo al Rifugio Tissi 2.250 m, da qui proseguiremo al lago Coldai 2143 m. Si va così a lambire il gigantesco basamento della Civetta fino l’estremità settentrionale della catena a Forcella Coldai 2.191 m, che sovrasta il piccolo lago glaciale omonimo e il rifugio Sonino 2.132 m. A est il Pelmo isolato e grandioso polarizza lo sguardo. Sarà la meta della tappa successiva. Dislivello: + 1150 m/- 720 m. Tempistica: ore 7.00. Difficoltà: percorso su sentieri e carrarecce medio E.

  5. GIORNO 5 Rifugio Adolfo Sonino al Coldai │ Rifugio Venezia Alba Maria De Luca al Pelmo

    Meta della quarta tappa sarà il Rifugio Venezia al Pelmo. Per raggiungerlo si attraversano le zone di pascolo segnate dal comprensorio dello Ski Civetta, si raggiungerà Forcella Staulanza da dove, con un tratto fra i meno faticosi dell’intero anello (incluso anche nell’Alta Via n° 1) è possibile costeggiare da sud-est il gruppo del Pelmo raggiungendo il rifugio De Luca (o Venezia al Pelmo). Dominati dalle imponenti pareti meridionali del Pelmo e del Pelmetto, con ampio giro d’orizzonte di tutta la Val di Zoldo, si attraversano le zone di pascolo de Le Mandre e dei Lâch per raggiungere il rifugio De Luca. Dislivello: + 347 m/- 650 m. Tempistica: ore 4.30. Difficoltà: percorso su strada sterrata, asfaltata e sentieri medi E.

  6. GIORNO 6 Rifugio Venezia Alba Maria De Luca al Pelmo │ Rifugio Remauro al p.sso Cibiana

    L’obiettivo della quinta tappa è il valico di Forcella Cibiana, una tappa di media montagna che segue in gran parte mulattiere e strade di origine militare. Scesi appena sopra Zoppé di Cadore e a Forcella Ciandolàda si valica la dorsale di monti minori (Col Dur-Col Alto-Rite) e da qui si può scendere in Val Inferna, dall’antico passato minerario, o includere la salita al Monte Rite, dove si trova un grandioso forte risalente alla Grande Guerra ora sistemato a fini museali secondo un progetto di Rheinold Messner. Il museo che fa parte dei 6 MMM è visitabile tutto l’anno e fa parte del Messner Mountain Museum Tour di Trekkingalp. Dal M.te Rite si scenderà a Forcella Cibiana e al Rifugio Remauro 1536m. Dislivello: + 500 m/- 900 m. Tempistica: ore 5.00. Difficoltà: percorso su sentieri e strade sterrate di media difficoltà E.

  7. GIORNO 7 Rifugio Quintino Sella Remauro al p.sso Cibiana │Forno di Zoldo

    Per avvicinarsi al cuore del Bosconero, meta della sesta e ultima tappa, bisognerebbe salire alla Forcella delle Ciavazòle o della Grava da dove la Rocchetta Alta di Bosconero e il Sasso di Toanella si presentano con straordinaria forza ascensionale per poi affrontare la discesa del ripido ghiaione che scende in alta Val Bosconero e al rifugio Casèra di Bosconero sotto lo spigolo nord ovest della Rocchetta Alta. Ma noi effettueremo una variante che ci permetterà di evitare la discesa lungo il ripido ghiaione. Infatti punteremo al Bivacco Baita Darè Copada e successivamente scenderemo in Val Bosconero fino a giungere al rifugio Casèra di Bosconero. Dal rifugio, seguendo inizialmente il sentiero 490 e successivamente il 491 giungeremo in località Le Bócole ed infine a Forno di Zoldo, nostro punto di partenza. Dislivello: + 500 m/- 1200 m. Tempistica: ore 5.30. Difficoltà: percorso su strade sterrate, asfaltate e sentieri di media difficoltà E/EE



Dettagli di viaggio

LA QUOTA COMPRENDE
  • N. 5 pernottamenti in rifugio in mezza pensione.
  • N. 1 pernottamento in hotel in mezza pensione
  • Tutte le escursioni previste nel tour
  • Guida AMM - International Mountain Leader
  • Polizza medico bagaglio
LA QUOTA NON COMPRENDE
  • Trasferimenti da/per Val di Zoldo
  • Pranzi e bevande ai pasti
  • Tutto quanto non indicato ne "La quota comprende"
  • Alloggi

    Rifugi alpini in formula SHARING (condivisione)

  • jeep Trasporti

    Mezzi propri o eventualmente messa a disposizione del partecipanti

  • Documenti, Visti e Vaccinazioni

    Carta d'identità e Autocertificazione Anti Covid

Cassa Comune( €)

    Non prevista per questo tour

Approfondimenti

Il trekking è rivolto a tutte le persone che siano allenate ed abbiano una discreta esperienza escursionistica. Si precisa che, sarà negata l’escursione a chiunque si presenti con abbigliamento, attrezzatura e calzature diverse da quelle indicate. Il programma potrebbe subire delle variazioni in base alle condizioni meteorologiche, di sicurezza e a seconda delle capacità soggettive dei partecipanti, a discrezione della guida. Se un partecipante non dovesse essere nelle condizioni fisiche e tecniche adatte all’escursione, la guida potrà suggerire allo stesso di fermarsi alla base di partenza. I metri di dislivello e i tempi dell’escursione sono indicativi e dipendono dalle capacità del gruppo. Il tempo indicato per le escursioni è considerato come tempo effettivo di cammino. La guida è a disposizione per ulteriori informazioni su: itinerario, difficoltà, attrezzature, ecc. L'orario di partenza ed il luogo di ritrovo saranno comunicati dalla guida successivamente all'iscrizione.

Galleria

Prossime Partenze

Italia

7 giorni

Trekking Anello Zoldano

Tour Leader
 Nicola Dispoto

Programmato

ACCONTO
100 €

690€

7 giorni

Tour Leader  Nicola Dispoto

Programmato

ACCONTO
100 €

690€


7 giorni

Tour Leader  Nicola Dispoto

Programmato

ACCONTO
100 €

690€