Viaggio di Gruppo India Holi Festival

Viaggio di gruppo in India per l'Holi Festival. Un tour classico e ideale per conoscere la cultura indiana, la sua grande spiritualità, le sue contraddizioni: il Rajasthan. Eleganti monumenti patrimonio dell’UNESCO, la storia di grandi sovrani, di impavidi cavalieri e di struggenti leggende d’amore. La nostra avventura partirà da New Delhi con i suoi monumenti più emblematici e proseguirà per Mandawa, conosciuta soprattutto per le haveli, lussuose residenze risalenti al XIX secolo appartenute a ricchi commercianti, decorate con splendidi affreschi. Proseguiamo prima per Jodhpur, la città blu, poi per Pushkar, una delle città più antiche dell’India. Raggiungeremo la capitale del Rajasthan, Jaipur, nota come la città rosa per il colore delle mura che circondano i suoi palazzi. Qui potremo vivere la celebrazione indiana più conosciuta al mondo: l’Holi Festival, una delle occasioni più suggestive e variopinte che esistano. La festa dei colori celebra l’arrivo della primavera e, in particolare, la vittoria del bene sul male, simboleggiando una rinascita personale e generale, dando così il via a una nuova fase della propria vita. Il viaggio terminerà con due preziosi gioielli: Agra con l'iconico Taj Mahal e la città santa di Varanasi. Dell’India che vi racconteremo lasciatevi incantare dal misticismo, dai colori, dai sapori delle spezie, dall’accoglienza della gente. L'India è un'esperienza travolgente sotto tutti i punti di vista, ma una di quelle esperienze che un viaggiatore non può perdersi nella vita. Una meraviglia per gli occhi e per il cuore.

Vedi Calendario Partenze

Prossima Partenza

dal al

Acconto

Tour Leader

  • Livello Spirito di adattamento
  • Numero partecipanti min 7 - max 14

Itinerario

  1. GIORNO 1 Partenza dall'Italia

    Partiamo dall’Italia con volo di linea.

  2. GIORNO 2 New Delhi

    All'arrivo in aeroporto a Delhi, disbrigo delle formalità di ingresso ed incontro con il personale del nostro staff per le presentazioni. Successivamente trasferimento in hotel. Si inizia subito con il tour nella Vecchia Delhi, Old Delhi. Visita dall'esterno del Forte Rosso, Lal Quila, costruito nel 1639 dall’imperatore Moghul Shah Jahan (l'ideatore del Taj Mahal) e dal 2007 riconosciuto patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO. Visita della Jama Masjid, una delle più imponenti moschee indiane, anch’essa commissionata da Shah Jahan nel 1644 e terminata nel 1656. Si attraversa il caratteristico ed antico mercato di Chandni Chowk costruito nel XVII secolo dallo stesso imperatore. Si continua con la visita del Raj Ghat, una piattaforma di marmo nero (samadhi) che segna il luogo della cremazione del Mahatma Gandhi avvenuta il 31 gennaio 1948, un giorno dopo il suo assassinio nella Birla House. Vi si possono leggere le sue ultime parole “Hai Ram” (Oh, mio Dio). Continua la visita di New Delhi, la città moderna, dai viali alberati e l’architettura moderna, fino al quartiere dei palazzi del Governo. Sosta all’India Gate, l’arco eretto a ricordo dei soldati indiani che lasciarono la vita combattendo per l’esercito britannico durante la Prima Guerra Mondiale. Infine, visita del Tempio Sikh Bangla Sahib, il più importante luogo di culto dei Sikh a Delhi (i Sikh sono seguaci del Sikkimso, una dottrina introdotta da Guru Nanak nel XV secolo).

  3. GIORNO 3 New Delhi | Mandawa

    Dopo la prima colazione, visita del complesso del Qutub Minar (patrimonio dell’UNESCO), una torre alta 73 metri su cui sono incisi alcuni versi del Corano, la cui costruzione fu iniziata subito dopo la sconfitta dell’ultimo regno indù nel 1193 da Qutab-ud-din Aibak, il primo sovrano musulmano di Delhi e poi continuata dai suoi successori. Partenza per Mandawa, la regione dello Shekhawati (da “sheik”, ricco moghul e “vati”, luogo di nascita di Krishna, l’adorata divinità indù). La città è famosa per le "Haveli" le case dei ricchi commercianti Marwari con gli affreschi sulle mura interne ed esterne.

  4. GIORNO 4 Mandawa | Jodhpur

    Arriviamo a Jodhpur nel primo pomeriggio. Inizio del tour della città, definita la città blu, che si trova nella regione del Marwar, ad un’estremità del deserto del Thar. È famosa per le sue case dipinte di colore blu oltre che per il suo magnifico forte medievale, Mehrangarh, in arenaria rossa, risalente al XV secolo, costruito sulla cima di una roccia che domina tutta la città, da cui si gode un panorama mozzafiato. Il forte è circondato da mura lunghe 10 km. A Jodhpur meritano una visita: la città dall’alto, gli aggraziati mausolei, i templi e l’affascinante groviglio di viuzze che caratterizzano la città vecchia. Degno di nota anche il museo che custodisce una collezione di palanchini, armi, altalene e tanti altri oggetti delle famiglie reali. Visitiamo il Jaswant Thada, un imponente cenotafio della famiglia reale. Questo monumento di marmo fu costruito nel 1899 da Maharaja Sardar Singh che lo dedicò al padre Maharaja Jaswant Singh II. Visiteremo inoltre la torre dell'orologio e il coloratissimo mercato Sadar.

  5. GIORNO 5 Jodhpur | Pushkar | Jaipur Holi Festival

    Dopo la prima colazione partiamo per Jaipur. Durante il tragitto sostiamo nella città sacra agli induisti, Pushkar. La città si trova sulle sponde di un piccolo lago considerato sacro dove i devoti sono soliti compiere abluzioni. Pushkar, il cui nome in sanscrito significa “fiore di loto blu”, è una delle città più antiche dell'India ed è anche nota per la folcloristica fiera annuale dei cammelli che si tiene nel mese di novembre. Conosciuta come il roseto del Rajasthan, la famosa essenza di rosa della città, viene esportata in tutto il mondo. La città di Pushkar ospita l’unico tempio in tutto il mondo dedicato a Lord Brahma, per questo è considerato dagli hindu l’ultima tappa del pellegrinaggio da compiere per ottenere la liberazione. Visitiamo il tempio di Brahma e il lago sacro di Pushkar. A seguire proseguiamo per Jaipur, la capitale del Rajasthan, fondata nel 1727 dal Maharaja Sawai Jai Singh II. La città è chiamata “la città rosa” per il colore degli edifici della città vecchia che così fu dipinta in occasione della visita, nel 1876, del principe del Galles, futuro re Edoardo VII. A Jaipur assisteremo all’inizio dei festeggiamenti in occasione dell’Holi, rappresentati dai falò che simboleggiano il trionfo del bene sul male, bruciando gli spiriti maligni.

  6. GIORNO 6 Jaipur- Holi Festival

    Dopo colazione partiamo per la visita della famosa fortezza di Amber, a 11 km dalla città, la cui costruzione iniziò nel 1592 per mano di Raja Man Singh I e che fu l’antica capitale dello stato nonché la sede di tutte le dinastie Rajput fino alla fondazione di Jaipur. L'esterno, austero, nasconde palazzi meravigliosamente scolpiti e decorati con specchi e pietre preziose. Al palazzo si accede a dorso di elefante o in jeep (secondo disponibilità), lungo le mura del forte. Al rientro a Jaipur facciamo sosta per vedere e fotografare il famoso Palazzo dei Venti o Hawa Mahal, costituito nel 1799 e composto da cinque piani splendidamente decorati, strutturati in modo da consentire alle signore della corte di osservare, senza essere viste a loro volta, la vita quotidiana nelle strade e assistere alle processioni. I festeggiamenti Holi continuano per tutta la giornata e raggiungono il loro apice con canti, balli, spettacoli e colori a non finire.

  7. GIORNO 7 Jaipur | Abhaneri | Fatehpur Sikri | Agra

    Facciamo colazione e partiamo per Agra. Lungo il percorso sosta per visitare il Chand Baori di Abhaneri, un antico pozzo-palazzo che è anche il più grande dell’India. Il pozzo è costruito a gradini, per raccogliere l’acqua piovana che veniva anche usata per le abluzioni di purificazione prima di entrare al Mata Temple Harshat posto esattamente di fronte al pozzo palazzo. Proseguiamo poi sulla strada in direzione Agra fermandoci a Fathepur Sikri, la città della vittoria, a 40 Km da Agra. La città fu voluta dal grande imperatore moghul Akbar. Si racconta infatti che egli, pur avendo molte mogli, non potesse avere figli; andò quindi in visita ad un santo Sheikh Salim Chishti che gli predisse la nascita di tre figli maschi, la sua profezia si avverò in breve tempo e Akbar fece costruire a Sikri, la nuova capitale dell’impero Mughal. La scarsità di acqua costrinse i Moghul ad abbandonarla 15 anni dopo. La cittadella presenta magnifici padiglioni in arenaria rossa che sono perfettamente integri ed è Patrimonio dell’UNESCO. Dopo la visita di Fathepur Sikri proseguiamo fino ad arrivare ad Agra, città più rappresentativa dello stato dell’Uttar Pradesh, e sede del famoso Taj Mahal.

  8. GIORNO 8 Agra – Taj Mahal – treno notturno per Varanasi

    Ci svegliamo presto per la colazione ed usciamo per la visita del Taj Mahal (chiuso il venerdì), l’incredibile attrazione a cui Agra deve l’appellativo di “città dell’amore” e che oggi è patrimonio mondiale dell'UNESCO. Si tratta di un imponente mausoleo dell’arte moghul, in marmo bianco finemente intarsiato e decorato con pietre preziose e semipreziose che richiama persone da tutto il mondo e noto come monumento all’amore, probabilmente questa l’ambizione di Shah Jahan quando lo volle realizzare, nel 1631, per Mumtaz Mahal, la più amata delle sue mogli, che morì di parto donandogli il suo quattordicesimo figlio. Il Taj Mahal assume diversi colori a seconda del momento della giornata in cui lo si ammira, senza mai perdere, neppure per un istante, il suo fascino. Nel pomeriggio visitiamo il Forte Rosso circondato da 3 km di alte mura. I palazzi al suo interno dispongono di fastose e decorate sale, nel suo insieme il complesso del forte è davvero una città all’interno della città che abbraccia il Moti Masjid, il Diwan-i-Am, il Diwan-i-Khas, la Torre Ottagonale, il palazzo di Jehangir e molti altri monumenti. Il forte è stato dichiarato Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. La sua costruzione fu voluta dall’imperatore Akbar nel 1565. Successivamente vennero aggiunti altri palazzi. In serata ci spostiamo alla stazione di Agra per prendere il treno per Varanasi. Pernottamento in treno.

  9. GIORNO 9 Varanasi

    Dopo aver trascorso la notte in viaggio in treno giungiamo a Varanasi, città sacra per eccellenza per gli induisti e una delle più antiche città dell'India. Qui possiamo godere di una visita della città e in serata visitiamo i Ghat per assistere alla suggestiva preghiera serale.

  10. GIORNO 10 Varanasi | Volo per Delhi

    Ci svegliamo prestissimo al mattino per iniziare le suggestive visite che ci riserva Varanasi. Facciamo un giro in barca sul Gange per assistere ai rituali di purificazione, alle offerte e alle preghiere dei pellegrini al sole che nasce, tra il profumo dell'incenso e l'atmosfera spirituale della città. Passeggiamo poi per le vie della città antica che ospita il Tempio d’Oro e la Moschea di Aurangzeb. Nel pomeriggio, visitiamo il sito archeologico di Sarnath, 10 km a nord-est di Varanasi, uno dei maggiori centri del Buddismo in India, dove il Buddha pronunciò il suo primo sermone dopo aver raggiunto l'Illuminazione a Bodhgaya (c.528 a.C). In serata ci trasferiamo in aeroporto per l’imbarco sul volo per Delhi.

  11. GIORNO 11 Rientro in Italia

    Facciamo colazione e subito dopo siamo accompagnati in aeroporto in tempo utile per il nostro volo per l’Italia. Arrivederci alla prossima avventura!



Dettagli di viaggio

LA QUOTA COMPRENDE
  • Volo di linea a/r da Roma e Milano per Delhi
  • Volo domestico Varanasi-Delhi
  • Treno notturno Agra-Varanasi Aircon II Tier Class
  • Tutti i pernottamenti con colazione
  • Minivan privato con driver come specificato negli Approfondimenti
  • Guide locali come specificato negli Approfondimenti
  • Tour leader dall'Italia
  • Polizza medico bagaglio con copertura Covid-19
LA QUOTA NON COMPRENDE
  • Visto d'ingresso in India
  • Pasti e bevande ove non menzionati
  • Mance ed escursioni facoltative
  • Tutto quanto non indicato ne "La quota comprende"
  • Alloggi

    Hotel media categoria in formula SHARING (condivisione) in doppia o camere multiple

  • jeep Trasporti

    Minivan privato con autista. Treno notturno Agra -Varanasi. Volo interno Varanasi-Delhi

  • Documenti, Visti e Vaccinazioni

    Passaporto con validità residua di almeno sei mesi al momento dell’arrivo. Visto obbligatorio da richiedere in Italia. Per la normativa Covid-19 consultare il sito www.viaggiaresicuri.it/find-country/country/IND.

cassa comune Cassa Comune(250 €)

    Pasti condivisi, ingressi a siti d'interesse e spese del Tour Leader. Si precisa che la quota di cassa comune è indicativa e potrebbe subire lievi oscillazioni.

Approfondimenti

I tempi di percorrenza sono molto variabili in India e dipendono dalle condizioni delle strade/soste fotografiche. Percorriamo principalmente strade asfaltate ma con fondo stradale danneggiato in alcune zone. I limiti di velocità sono molto bassi a causa del traffico o per presenza di animali. Le videocamere e le macchine fotografiche pagano una “tassa d’Ingresso” ai monumenti. La guida locale sarà presente nello specifico: Delhi, Mandawa, Jodhpur, Jaipur,, Amber Fort, Agra, Fatehpur, Varanasi, Sarnath. Per quanto riguarda il minivan, il veicolo assieme al driver è a disposizione del gruppo a Mandawa, Jodhpur, Jaipur e Agra (nei limiti delle città), nelle altre tappe sarà come da itinerario. Nei templi indiani si entra a piedi nudi (a volte si possono indossare le calze). Il Taj Mahal è chiuso il venerdì, giorno di celebrazioni per i musulmani e di conseguenza chiuso al pubblico perché riservato al culto.

Galleria

Prossime Partenze