Backpacker Adventure Trekking Dolomiti Explorer

place Itinerario

  • event_note GIORNO 1 Arrivo a Bressanone | Rifugio Plose

    Arrivo a Bressanone (BZ) nel pomeriggio. Lasciate le macchine prenderemo gli impianti di risalita che ci conducono fino alla stazione a monte del comprensorio sciistico di Plose. Da qui, in poco più di un’ora di comodo cammino su strada sterrata, raggiungeremo il rifugio intorno alle 18, pronti per la cena e un primo straordinario e panoramico tramonto con vista sulle Dolomiti.

  • event_note GIORNO 2 Trekking dal Rifugio Plose alla Val di Funes Rifugio Genova

    Dopo colazione prepareremo le nostre cose e inizieremo la nostra prima parte del viaggio: tre giorni a piedi, lungo il tracciato dell’Alta Via delle Dolomiti n.2, dormendo nei rifugi situati nel cuore del Parco Naturale Puez-Odle. Il tracciato dell’Alta Via passa proprio da qui, ai piedi del rifugio che svetta oltre 2.000mt sull’abitato di Bressanone. L’impatto è subito straordinario: Plose è una vera e propria terrazza affacciata sulle Odle in primo piano e sul Sassolungo e il gruppo del Catinaccio in lontananza. Il primo tratto, in discesa, ci condurrà ai piedi dell’unica salita di giornata, breve ma tosta. Giunti sulla sella ai piedi del Sas de Putia, affacciati sulla Val Badia che si apre ai nostri piedi, raggiungeremo in poco tempo il nostro secondo rifugio, a metà tra la Val Badia e la Val di Funes. Qui avremo modo di riposarci, mollare gli zaini e prepararci alla cena, prima di godere di uno straordinario tramonto che piano piano lascia spazio al silenzio della sera, illuminata solo dalle luci del rifugio.

  • event_note GIORNO 3 Trekking tra Val Badia e Val Gardena

    Sveglia presto e colazione in rifugio. Sistemato lo zaino ci ritroviamo per un breve briefing pre partenza ammirando la bellezza delle prime luci del giorno che baciano il profilo severo delle montagne intorno a noi. Questa giornata, più breve rispetto a ieri, sarà caratterizzata da panorami mozzafiato e sentieri sospesi tra terra e cielo. Inizieremo il nostro cammino continuando lungo le tracce dell’Alta Via n.2. Una breve sosta in una piccola malga lungo il percorso per assaggiare i formaggi fatti in casa e bere un bicchiere di latte appena munto. Ai nostri piedi si apre la Val Badia, contornata da alcune tra le vette più importanti delle Dolomiti: il gruppo Fanes-Lagazuoi, il Pelmo in lontananza, il Sasso di Santa Croce. Davanti a noi il gruppo del Puez, attraverso il quale dovremo passare per raggiungere la nostra destinazione odierna. Il sentiero comincia a salire fino a portarci ai piedi della Forcella de la Roa, un ghiaione breve ma ripido segnato dalla presenza, a zigzag, del percorso che raggiunge la sella. È il punto più impegnativo della giornata e di tutto il viaggio. Superare questo tratto, tra rocce e paesaggi lunari, ci trasmetterà grande soddisfazione, offrendoci in premio un panorama straordinario. Il nostro rifugio è ormai poco lontano. Una volta raggiunto ci prepariamo per la terza serata da trascorrere tra stelle e silenzio, ammirando davanti a noi il profilo inconfondibile del Sassolungo che domina la Val Gardena.

  • event_note GIORNO 4 Trekking a Seceda, in bilico tra terra e cielo | Val Gardena

    Terzo giorno di cammino. Dopo colazione si riparte per raggiungere uno dei luoghi più iconici delle Dolomiti, i prati di Seceda. Un punto panoramico divenuto famoso in tutto il mondo negli ultimi anni grazie alle tantissime foto scattate da escursionisti, appassionati e persone giunte apposta per ammirare la straordinarietà di questo luogo: un immenso prato verde che, d’improvviso, si getta nel vuoto lungo le pareti verticali del Gruppo delle Odle. Un vero e proprio salto di centinaia di metri da poter contemplare restando comodamente seduti sui prati che delimitano la sommità di queste guglie appuntite. Dopo esserci presi il nostro tempo per poter godere della bellezza di questo scorcio unico e impagabile, iniziamo il nostro avvicinamento a Ortisei in Val Gardena, nostra destinazione odierna. L’escursione di oggi, dopo il tratto iniziale di salita per raggiungere i prati di Seceda, si presenta interamente in discesa, dapprima lungo pendii erbosi e, successivamente, nel cuore del bosco che lambisce gli abitati della Val Gardena, una delle località più conosciute e rinomate delle Dolomiti. Giunti in struttura, avremo finalmente il tempo per riposarci e rilassarci dopo tre giorni di cammino in quota, potendo godere, allo stesso tempo, di tutte le comodità e i servizi di un importante centro abitato.

  • event_note GIORNO 5 In volo sulle Dolomiti | Val Gardena

    Qualcuno di voi ha mai provato l’ebbrezza di un volo in parapendio? Sì? Volare sopra le vette più alte delle Dolomiti, però, è un’esperienza unica, senza paragoni. Ammirare dall’alto queste montagne, stringerle tutte in una mano, piccole ai nostri piedi, non ha prezzo! È adrenalina allo stato puro, un’emozione forte che vi resterà impressa per tutta la vita. In Val Gardena esistono diverse agenzie che offrono questa opportunità, attraverso un volo biposto condotto da un istruttore qualificato. Diversi sono anche i punti di lancio dai quali ha inizio il tour. Non dovrete pensare a niente, solo allacciare la cintura e il casco e ammirare la bellezza del panorama sotto di voi. Tutto rigorosamente documentato dalla Gopro che avrete con voi. E se il parapendio non fa per voi, questa sarà comunque una giornata da vivere nel cuore dei sentieri dolomitici più belli attraverso i percorsi che corrono ai piedi di “sua Maestà”, il Sassolungo, camminando in quota senza mai perdere di vista le vette più importanti di questo straordinario lembo di terra: la Marmolada, il Catinaccio, l’altopiano dello Sciliar, il gruppo del Sella, le Odle e molto altro ancora. In alternativa sarà possibile fare un'escursione di mezza giornata o relax completo.

  • event_note GIORNO 6 Trekking nell’Alpe di Siusi a caccia dell’ Enrosadira

    Il nostro ultimo giorno di escursione sarà dedicato alla scoperta di un altro luogo incantevole nel cuore delle Dolomiti. La nostra meta di oggi è l’Alpe di Siusi, il più grande altopiano d’Europa, costellato di malghe adagiate su ampi prati verdi che guardano, in lontananza, il Sassolungo. L’Alpe, proprio vista l’ampia superficie su cui sorge, consente di svolgere tante escursioni differenti, di lunghezza e difficoltà variabile. Il nostro itinerario ci consentirà di ammirare, senza troppa fatica, buona parte di questo luogo verde e incontaminato, attraverso un itinerario nel cuore dell’altopiano. Oggi, però, partiremo con più calma per aspettare, sul finire del giorno, gli ultimi raggi del sole che, con la loro luce, colorano di rosa il profilo netto e severo delle vette intorno, addolcendole di colpo. Si tratta dell’enrosadira, un fenomeno straordinario tipico delle Dolomiti, oggetto di storie e leggende, che consente a chi lo vive di ammirare queste montagne nel momento più bello della giornata: il tramonto. Un soffio caldo che bacia il volto di queste pareti, prima che la notte le nasconda fino all’alba. Il modo migliore per concludere questo viaggio, contemplando buona parte dei gruppi toccati nei giorni precedenti e ripercorrendo, con la vista e i ricordi, la maggior parte dei sentieri su cui abbiamo camminato.

  • event_note GIORNO 7 Val Gardena | Rientro a Bressanone e fine del trekking

    Il nostro viaggio purtroppo finisce qui. Dopo la colazione in albergo sarà il momento del check-out e della ripartenza in autobus verso Bressanone dove ci saluteremo. È stata un’avventura straordinaria! Arrivederci alla prossima